IL VALORE DI UN BRAND

L’importanza di spostare il focus dalla comunicazione basata sul prodotto a quella degli elementi intangibili di un’azienda

Il caso DIVA INTERNATIONAL

Leader nella produzione di
salviette a marchi propri e terzi

Quale cambiamento abbiamo realizzato?

Una nuova e completa identità aziendale sul web

L' AZIENDA

Come non conoscere
il marchio Fria?

Le confezioni di salviette Fria da anni sono presenti sugli scaffali di ogni tipologia di rivenditore, dalla grande distribuzione organizzata al piccolo negozio di quartiere.

Dietro al marchio Fria c’è Diva International, azienda di Spello (PG) incontestabile leader italiana – e non solo – nella realizzazione di questi prodotti, con marchi propri e conto terzi.

L’azienda, con i suoi laboratori di ricerca interni e brevetti internazionali, studia regolarmente nuove soluzioni da proporre al mercato.

Costante è il focus sulla qualità delle materie prime e della produzione, che avviene inderogabilmente all’interno degli stabilimenti di proprietà, situati in Umbria, anche per i prodotti realizzati in private label per grandi catene di supermercati e noti marchi.

IL PROBLEMA

Succede anche ai migliori

Indubbia la posizione di leadership, la qualità dei prodotti e la distribuzione capillare tra i rivenditori di ogni genere, anche Diva International presentava però un piccolo neo: la marginale attenzione alla cura della propria immagine sul web.

In tutti i siti della popolata galassia Diva, si notavano chiaramente “mani” ed epoche differenti di realizzazione, evidenziando la mancanza di un messaggio comune, una finalità condivisa, un fil rouge che li collegasse. 

Mancava cioè una strategia di comunicazione digitale e il cosiddetto family feeling.

LA TRAPPOLA DELLA
CENTRALITA’ DEL PRODOTTO

Il prodotto viene dopo,
prima c’è bisogno di altro

Tutti questi siti erano poi profondamente incentrati sul prodotto, fulcro e protagonista principale – e molto autoreferenziale – dell’immagine aziendale sul web, modalità questa ormai sempre meno efficace nella comunicazione, a causa delle mutate caratteristiche del pubblico a cui ci rivolgiamo.

Prima di Mamaindustry

Mancava totalmente la percezione dell’esperienza che il cliente vive, approcciando quei prodotti; mancavano i valori rappresentati dall’azienda e dai vari marchi, la promessa espressa, le risposte a bisogni e desideri dei clienti.

IL NOSTRO INTERVENTO E LA BRAND PURPOSE

Sono cambiati
i regimi comunicativi

Se in generale la competitività dei mercati e la maggior scaltrezza degli utenti richiedono oggi una trasformazione dei regimi comunicativi, dall’autoreferenzialità alla diffusione di una promessa di valore.

Questo è tanto più vero per i grandi marchi che devono comunicare all’utente i propri valori per creare un’identità di brand.

Brand Purpose

I clienti infatti non acquistano, tanto e soltanto, prodotti ma i brand che ci sono dietro e, in particolare, “le sensazioni” che questi Brand “gli passano”.

In questo modo, i valori dell’azienda diventano il motore, il motivo di esistere e il fattore fondamentale di successo. 

Diva, e i suoi marchi, non riuscivano ad esprimere sul web la propria brand purpose.

🗓️

La brand purpose è il motivo per cui un’azienda è sul mercato.

Il come e perché si propone di cambiare il mondo che la circonda, il perché un cliente dovrebbe acquistare da lei, anche se un concorrente fa un prodotto identico, il motivo per cui si fa impresa, visto che il profitto non può essere l’unica motivazione.

In poche parole, è ciò che rende un brand rilevante agli occhi di un consumatore.

L' INTERVENTO DI MAMAINDUSTRY

In una prima fase,

abbiamo organizzato, con la Proprietà e la Direzione Marketing di Diva International, un percorso, presso la loro sede, per ragionare insieme sui valori aziendali e tutti gli elementi caratterizzanti della brand purpose, che andavano comunicati efficacemente al pubblico, nei nuovi siti che avevamo in programma di realizzare.

In un’azienda come Diva, che pur senza comunicarli, già esprimeva una molteplicità di valori, non abbiamo dovuto “inventare nulla” ma solo razionalizzare la comunicazione di quanto di bello questa azienda già esprimesse.

in una seconda fase,

abbiamo assunto il ruolo di project manager
per la realizzazione dei nuovi siti, trasferendo ad una nota Agenzia di Comunicazione di Perugia, tutti i concetti che avevamo studiato nella prima fase e coordinandone la trasformazione in efficaci pagine web.

In questo modo sono nati

www.divaint.it e www.fria.it

con nostra grande soddisfazione di aver collaborato – e continuare a collaborare in altri progetti –
con un’Azienda così nota e così ricca di spunti.

Vuoi approfondire?

Investiamo molto tempo nel parlare
senza impegno con chi vuole conoscerci

Altri casi di successo

Contattaci

Liquidità per emergenza Covid

Fondo Rotativo per il Piccolo Credito
Finanziamenti per la liquidità delle MPMI
Asse 3 Competività – Azione 3.6.1